martedì 22 dicembre 2015

Convegno Amitap Roma - Linee Guida

In questi tre video è presente l'intervento della Dott.ssa Rossella Colagrossi al recente convegno dell'AMITAP del 27 novembre scorso sul tema delle Linee Guida al DM 25

Primo video 


Secondo video


Terzo video


Un intervento ampio, che comunica la sensibilità del Ministero della Salute sul tema della manutenzione degli impianti di trattamento dell'acqua potabile.

domenica 13 dicembre 2015

Biossido di cloro e sanificazione degli impianti di trattamento acqua

E' una domanda ricorrente nel nostro settore, quella sulla possibilità o meno di utilizzare il biossido di cloro Cl02 per la sanificazione degli impianti di trattamento acqua.

In molti, vista la forte capacità battericida di questo prodotto, chiedono informazioni in merito.

Purtroppo il composto, oltre che instabile e di non facile preparazione, è fortemente aggressivo su buona parte di componenti che formano gli impianti di trattamento acqua.

Il biossido di cloro, anche in concentrazioni basse (fino a 100 ppm)  non è compatibile con leghe a base di rame, ottone in primis. Quindi, ad esempio, nessun impianto che utilizzi una pompa in ottone può essere sanificato con questo prodotto.

Il biossido di cloro attacca anche alcuni acciai inossidabili tra i quali l'AISI 304, innescando fenomeni di corrosione che oltre ad inquinare l'acqua danno origine a sapori sgradevoli.

Il biossido di cloro aggredisce il polietilene e le guarnizione in NBR seccandole. L'utilizzo di questo sanificante cristallizza i polimeri portando a fenomeni di rottura e quindi perdite.

La manipolazione, la preparazione del biossido di cloro presenta dei rischi che devono essere tenuti in considerazione.

Il biossido di cloro viene utilizzato con successo negli impianti industriali di trattamento dell'acqua potabile, in strutture appositamente costruite, compatibili con questo forte ossidante. Il Biossido di cloro presenta in questo ambito indubbi vantaggi. L'azione ossidante è selettiva, minore è la formazione di sottoporodotti, minore è l'impatto organolettico per l'utente finale.

mercoledì 2 dicembre 2015

Carbonatore a caldo per acqua frizzante

Il carbonatore a Caldo. In anteprima un nuovo prodotto GWS, senza voler assolutamente inventare nulla di nuovo, in queste immagini che seguono si può vedere un impianto semplice, robusto e di elevate prestazioni.


Carbonatore a caldo








Carbonatore a caldo
posteriore

Alcuni dati del nostro carbonatore a caldo:

1) motore pompa servo ventilata con scarico aria esterno -185 watt
2) pompante Fluid O Tech 300 litri ora
3) Saturatore ODL
4) Tubi John Guest 3/8"
5) Raccordi DM fit 3/8"
6) controlli livello Kube

Un prodotto semplice ma efficace: abbiamo posto un motore potente con scarico aria esterno per farlo lavorare di continuo. I tubi sono tutti di ampia sezione, per evitare perdite di carico.

Il Carbonatore a caldo è disponibile presso GWS,  tempi  di consegna rapidi, prezzi di assoluto interesse. Contattateci 0107451845 - info@gwsonline.it