venerdì 29 maggio 2015

Registro di Impianto nelle nuove linee guida del DM 25

Con le nuove linee guida al DM 25 pubblicate nel mese di maggio, per il nostro settore degli installatori vi è una importante e fondamentale novità : il Registro di Impianto

 "Registro impianto. 

Documento fornito insieme all’impianto di trattamento dell’acqua o rilasciato dal gestore sul quale vengono riportate le principali caratteristiche dell’impianto (in particolare quelle attinenti la sicurezza), i recapiti telefonici del fornitore e degli addetti alla manutenzione e le azioni di gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria che vengono attuate durante il suo ciclo di vita, a cominciare dalla messa in esercizio o collaudo (UNI EN 15161:2007). Questo documento deve essere sempre immediatamente disponibile per ogni necessità e perciò preferibilmente conservato in prossimità dell’impianto e opportunamente protetto" (dal Glossario delle linee guida) 

Il Registro di impianto è stato fortemente voluto dalla Associazione dei Manutentori ed Installatori AMITAP . Il suo scopo individuare i soggetti che operano ( produttori, venditori, installatori, manutentori) i loro compiti le loro responsabilità per garantire un'acqua sana e a norma di legge.

Le linee guida non sono un regolamento tecnico, ma un  indirizzo per lavorare con qualità nel delicato mondo del trattamento acqua.

Il Registro di Impianto entra a far parte delle "best practies"  che concorrono a governare con precisione i processi che portano a garantire un'acqua trattata sana e piacevole .


La novità rappresentata dal Registro di Impianto non è di bassa portata, le associazioni di categoria sono già al lavoro per definire uno standard  che renda omogeneo il settore e omogenei anche  i controlli da parte delle autorità competenti.

Il Registro di Impianto è comodo per chi installa un sistema costitruito da più apparati che hanno provenienza diversa.   Ad esempio se si dovesse installare un erogatore di acqua potabile trattata in un ristorante è facile che il sistema di filtrazione non sia della stessa marca del gruppo  frigo, come diversa può essere l'origine della colonnina di spillatura.  L'installatore segnala nel registro l'orgine e le conformità delle diverse parti,  comprese gli accessori di collegamento.
L'installatore quindi collauda il sistema e garantisce per la sua competenza.

Il Registro di Impianto deve diventare il documento centrale di governo dei sistemi di trattamento al punto d'uso dell'acqua potabile. Il controllo da parte di un ente ispettivo dovrà partire dalla verifica del Registro, dove sono  contenute le dichiarazioni di conformità e il registro degli interventi ordinari e straordinari.

Crediamo fortemente che l'utilizzo di una traccia comune servirà a rendere più coeso il settore e meno attaccabile da trasmissioni scandalistiche e tendenziose.   Il Registro di impianto sarà un valido strumento per contrastare chi oggi utilizza l'arma dell'ignoranza e delle terrorismo mediatico. Ai nostri clienti daremo indicazione di esibire il registro di impianto qualora si presentassero i mestieranti dello scandalo.

Per maggiori informazioni potete contattare AMITAP

2 commenti:

Anonimo ha detto...

il registro diimpianto e' obbligatorio ?

gwsonline ha detto...

Le linee guida non impongono ma consigliano il registro di Impianto