sabato 11 aprile 2015

Acqua torbita e microfiltrazione

Filtri che si intasano precocemente, perchè ?

 Nella nostra esperienza di installatori e manutentori riscontriamo in maniera sporadica fenomeni di intasamento delle cartucce filtranti.  Questo perchè a Genova e provincia la qualità dell'acqua erogata è sostanzialmente buona e perchè utilizziamo materiale  di elevata qualità.

Da altre zone del nostro paese riceviamo parecchie segnalazioni di colleghi  su cartucce e sistemi di filtrazione che si intasano molto precocemente.

Dato un filtro meccanico, per definire la sua "resistenza" all'oclusione  dobbiamo prendere come riferimento tre parametri:

1) la torbidità dell'acqua in ingresso
2) la dimensione della maglia  del filtro
3) la superficie della maglia del filtro

La rimozione della torbidità, ossia del particolato è limitata dalla sezione di passaggio dell'acqua, ossia dalla superficie totale dispobilile.

I filtri a cartuccia, siano essi a sedimenti o carbon block con maglia sotto i 5 micron sono a rischio  di intasamento quando l'acqua in ingresso presenta torbidità fini.

I filtri con tecnologia precoat  tipo Everpure o Refiner hanno una durata maggiore perchè la loro superficie è ben più ampia della candela di carbone.  Anche questi s intasano visto il loro livello di filtrazione più spinto 0,5 micron, non ostante la grande superficie di filtrazione, circa 8/9 volte quella di un filtro con Carbon Block

carbon block e filtro con carta plissettata

La soluzione commerciale "all'italiana" consiste nel dichiarare un grado di filtrazione basso, 0,3 micron o 0,5 micron, per poi utilizzare realmente una filtrazione sopra i 10 micron.  Non facciamo nomi, di fronte al sospetto invitiamo a soffiare dentro la cartuccia, in assenza di contropressione, è chiaro che quanto dichiarato è palesemente falso.....

La soluzione tecnica è un po più complessa, si tratta di prefiltrare l'acqua in ingresso  con un sistema ad  imbuto, ossia filtri a 20, 10, 5 1 micron in sequenza. e aumentare la frequenza di sostituzione delle cartucce.

In alcuni casi, purtroppo ci si deve arrendere e lavorare con tecnologia diversa,   filtri con carbone granulare  GAC  seguiti da filtri del particolato a 10 e 5 micron.

Da ultimo segnaliamo che esistono in commercio  cartucce di scarsa  qualità  che si instasano e si bloccano non tanto per le condizioni gravose dell'acqua di rete, ma perchè  costruite  male con materiali scadenti.



2 commenti:

Paolo M. ha detto...

Se possibile vorrei chiedere un chiarimento... in merito alle cartucce con "finta" filtrazione a 0,3µ. Si tratta di una cosa accertata o di un semplice sospetto ? Senza fare nomi per esteso... si parla di "WL" ? Lo chiedo perché l'azienda dove lavoro li vende e non a poco, e comunque ci tiene a dare un prodotto di qualità. Grazie.

gwsonline ha detto...

L'accertamento c'è, abbiamo mandato i filtri negli USA presso un laboratorio che ci ha risposto confermando i nostri sospetti, per chi ne facesse richiesta direttamente possiamo inviare copia riservata.

Oltre a ciò abbiamo una esperienza specifica nel campo, con prove sperimentali che confermano quanto scriviamo.