lunedì 29 ottobre 2012

Quale filtro Everpure: una scelta ragionata

Il sistema di filtrazione Everpure con l'innesto a baionetta  nasce otre 40 anni fa negli Stati Uniti per trattare l'acqua destinata alle vendig machines, ossia quegli impianti che forniscono le bevande alla spina. (guarda nuovo post sulla modifica delle etichette)
Everpure residenziale

Il filtro Everpure è  costituito da una tecnologia che dall'esterno sembra semplice e banale, ma proprio per la sua semplicità di utilizzo legata alla sua azione efficace lo rende difficile da imitare.

LISTA FILTRI EVERPURE AGGIORNATA SEMPRE SU GWSONLINE.IT

Dentro il contenitore in alluminio vi è una calza costituita da un polimero adatto al contatto  con gli alimenti  che ne ricopre  le pareti.  L'acqua NON viene nella maniera più assoluta  a contatto con il metallo.
Il sistema a baionetta usa e getta è estremamente pratico e nello stesso tempo igienico (vengono rimosse  tutte le  guarnizioni usate). Il cambio filtro a baionetta permette di eseguire accurati lavaggi dell'impianto con cartucce apposite.

Membrana Everpure plissettata


Nel contenitore in alluminio foderato  vi è una tasca al cui interno è contenuta polvere di carbone con gli adittivi necessari a seconda  della  tipologia  di filtro. Questa tasca è costituita da una membrana micrometrica, ossia con una porosità  sotto i 0,5 micron.   In fase di prima attivazione l'acqua entra dentro la tasca e "spara" la polvere di carbone sulle pareti della membrana creando un sistema di filtrazione composito.
La soglia ultrafine di filtrazione della membrana trattiene la polvere di carbone e nello stesso tempo  trattiene il particolato eventualmente presente nell'acqua di rete. Con il termine di particolato si intende tutte le parti in sospensione presenti nell'acqua - fango, limo, ruggine, sabbia etc. -

La polvere di carbone utilizzata è di ottima qualità, ha una granulometria costante, è controllata all'origine e viene adeguata mente trattata per rimuovere eventuali impurità.
Filtro Everpure 4C

Il filtro che base della linea Everpure con attacco a baionetta e costituito dalla serie C.  Sono i filtri Everpure AC e Everpure 4C  che trovano impiego soprattutto negli impianti di erogazione di acqua trattata per la ristorazione  .  Questa serie viene impiegata parecchio anche nel settore domestico per motivi "storici". I primi produttori di impianti domestici venivano dal settore professionale ( Horeca ) e giocoforza hanno introdotto il modello professionale anche nel settore domestico.  Nulla di male, è un ottimo filtro. Consigliamo di abbinare quando possibile un sistema a raggi UV soprattutto quando vi è un uso discontinuo. Nel settore delle macchine professionali da anni è stato sviluppato un filtro specifico Everpure 4CB5

Negli anni la gamma dei  filtri Everpure a baionetta si è allargata parecchio, accanto alla serie C è nata quella che associa alla funzione Adsorbente del Carbone Attivo quella batteriostatica degli ioni d'argento. La serie DC, ossia i modelli Everpure 2DC, 4DC ed MC2 hanno la polvere impregnata da sali d'argento con la funzione di impedire che si sviluppi carica batterica. Dire e fare sono cose diverse, impregnare il carbone in maniera che il rilascio degli ioni d'argento sia costante nel tempo non è così semplice. le cartucce Everpure hanno superato i test severi e rigorosi da parte dell'ente statunitense  NSF e  del nostro ente TIFQ.
Oggi i filtri Everpure 2DC  trovano grande impiego negli erogatori domestici di acqua liscia fredda e frizzante, mentre le cartucce Everpure MC2 sono grandemente utilizzate nel settore delle cosiddette "case dell'acqua"

Esistono cartucce Everpure dedicate espressamente al settore domestico, appartengono alla serie H, nello specifico sono il modello Everpure  H54, Everpure H104  e H300.  Sono state studiate per fornire  un servizio in più all'utente finale.  Oltre all'abbattimento del cloro, a migliorare la carica batterica, ad impedire  un'eventuale crescita della  carica hanno la capacità di abbattere i metalli pesanti, ossidi di ferro ed avere un piccola funzione anticalcare. Everpure ha lanciato un marchio "residenziale" proprio per separare  i due mercati anche da un punto di vista economico.

Il panorama dei sistemi everpure presenti è lunghissimo e non basta  certo questo post sul blog per descrivere appieno la capacita  di offerta Everpure.
Vogliamo qui ricordare ancora la serie ESO che toglie il cloro e rimuove il calcare con la tecnologia delle resine a scambio ionico, nello stesso tempo con un sistema by pass impedisce le si modifichi il pH dell'acqua.  Questi filtri hanno un impiego nel settore delle macchine che utilizzano l'acqua calda, per evitare il precipitare del calcare.  Hanno una durata in funzione della durezza dell'acqua in ingresso.

Everpure 4K
La serie Everpure K è molto simile alla serie H  per il settore domestico, il carbone è impregnato di KDF ( marchio commerciale ) un additivo composto da Rame e Zinco che crea  un dipolo chimico che abbatte i metalli pesanti ed inibisce parzialmente il carbonato di calcio. Sono disponibili le taglie 2 e 4, ossia il filtro altro 26 cm  Everpure 2K plus ed Everpure 4k Plus.

Per il settore vending sono disponibili i filtri OCS2  ( Odor Chlorine and Scale ) oppure BH2 contengono una minima quantità di polifosfati con la funzione di inibire la precipitazione del carbonato di calcio nella sua forma amorfa ed incrostante. ( lo sconsigliamo per una utenza che desidera solo acqua da bere).

La serie Everpure Pro2 e Pro 4 fanno  parte della  tipologia Microguard.  All'interno del classico cilindro rin alluminio oltre al carbone in polvere e alla sua membrana sono presenti delle membrane cave che portano il grado filtrazione meccanica sotto i 0,15 micron. E' una tipologia di filtro che ha molto in comune a quelli utilizzati nel settore medico, dove viene richiesta un'acqua perfettamente esente da torbidità

Per tutti questi filtri menzionati  sulla pagina del nostro sito sono disponibili schede tecniche e maggiori informazioni in lingua italiana 

Qualche bontempone che non riesce a nascondere la sua natura avida, mette  in giro voci prive di fondamento sull'esistenza di Everpure contraffatti. Questo perchè avendo prezzi elevati deve per forza gridare che gli altri sono dei disonesti.   Filtri  contraffatti Everpure in produzione non ne esistono, se ce ne fossero ci sarebbero foto e filmati disponibili.
Esistono, e sono reali, i cloni dei filtri Everpure, prodotti sia  in Italia che negli USA, hanno foggia simile ma caratteristiche totalmente diverse.  Solo ETF, con i modelli  Refiner, ha una  tecnologia similare. Gli  altri riconoscibili per il corpo in plastica utilizzano al loro interno carbone estruso oppure carbone granulare. Sono filtri rispettabili e generalmente validi.



Il sistema di filtrazione Everpure a baionetta, oltre a disporre di un'ampia gamma di soluzioni, presenta il grande vantaggio di poter eseguire le sanificazioni con cartucce  apposite  utilizzabili infinite volte.

un articolo correlato importante

mercoledì 24 ottobre 2012

Commenti impianti Brita

In parecchi ci hanno chiesto la nostra opinione sui filtri in vendita nei supermercati.

Con piacere abbiamo visto che BRITA è una azienda seria, all'interno di  un magazzino Saturn abbiamo visionato i loro impianti di trattamento dell'acqua potabile da collegare alla rete idrica. Rispondono alla normativa recente, in fatto di  informazione alla  clientela.
Sulla confezione sono riportate  le avvertenze necessarie per permettere all'utente una scelta ragionata.

Brita ha inserito sulla confezione i dati sull'efficacia della  filtrazione  proposta.
Indica chiaramente che si tratta di  un impianto destinato ad acqua già potabile
Indica chiaramente che è necessaria una manutenzione  periodica per mantenere in efficacia il sistema.

I filtri che Brita propone sono basati sui carboni attivi e sullo scambio ionico per abbattere la durezza dell'acqua.

Il carbone attivo rimuove odore, sapore, cloro e  suoi composti ( anche i sottoprodotti di disinfezione )
Le  resine scambiano lo ione Sodio con il Calcio.

Sono poche le ditte che operano nel  rispetto della normativa, ad esempio nello scaffale accanto c'era una macchina dell'acqua di una nota ditta  italiana priva di quanto espressa mente richiesto dal Decreto Ministeriale 25 del febbraio 2012.

Anche se sono concorrenti  nel nostro settore, ci fa piacere vedere che esistono ditte  serie che operano nel  rispetto della normativa.   Il nostro è quindi un giudizio positivo

GWS che non è da meno ha provveduto a far testare i propri sistemi di filtrazione presso un ente terzo, i nostri manuali  sono completi di tutte le  indicazioni di legge. In un prossimo post daremo spiegazione dettagliata del protocollo sperimentale seguito e  dei risultati ottenuti.
I nostri impianti nel periodo di tempo funzionamento indicato  sono stati monitorati sia come efficacia sia  come controllo della carica batterica.  (  con ottimi risultati )

mercoledì 17 ottobre 2012

adattatori pericolosi

Pubblichiamo un video che mostra la pericolosità di  un adattatore  per bombole ricaricabile con filetto ACME 2G  ( quello tulizzato dalle  bombole dei gasatori da tavolo tipo Soda Stream, Soda Club, Imetc etc... )

Lo spunto  di questo video nasce  dalla visita di un collega che opera nel settore del  trattamento acqua  che ricercava un sistema per utilizzare il riduttore di pressione per bombole da 600 gr  ( attacco M11x1 )  su bombole del tipo gasatore da  tavolo ( Sodastream per intenderci ).  Ci ha mostrato questo "ritrovato"

In passato abbiamo affrontato l'argomento creando con Dreamdesign, azienda  leader nel settore, un riduttore di  pressione apposito, sicuro  con i rischi di errata manipolazione.

Il fai da te in questo settore è pericoloso, non si insiste mai abbastanza  nel guardare non le opportunità ma i rischi legati a  manipolazioni errate oppure ad eventi accidentali.

La  co2 contenuta all'interno delle bombole mediamente è di 60 bar, 6MPa. Quando  espande  la temperatura scende a - 80 °C , con  possibili ustioni sul corpo.

mercoledì 3 ottobre 2012

Convegno AMITAP a Genova

Il 19 di ottobre 2012 presso la Sala Congressi IREN a Genova si terra il Convegno Nazioanle organizzato dall'associatione dei manutentori installatori  impianti trattamento dell'acqua potabile. AMITAP

L'incontro è incentrato  sulla lettura e valutazioni del  nuovo Decreto Ministeriale 25 del  marzo 2012 che disciplina il mondo del trattamento dell'acqua potabile.

Il programma è scaricabile dal sito AMITAP.


I relatori invitati  affronteranno  il tema dal punto di vista degli installatori, dei  costruttori e  degli enti  terzi chiamati a validare gli impianti.

Oltre al mondo del  trattamento domestico e dellla ristorazione verrà affrontato il tema  delle case dell'acqua, settore  in forte crescita con  normativa a riguardo ben precisa


La partecipazione è libera prevvia registrazione.