venerdì 23 marzo 2012

Nuovo Decreto del Ministero della Salute sul trattamento dell'acqua potabile

Il giorno 22 di Marzo sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il nuovo decreto Ministeriale sul Trattamento dell'acqua potabile.

E' un regolamento tecnico che disciplina il mondo del trattamenteo acqua

E' possibile scaricare il nuovo Dm 25 del febbraio 2012 dal nostro sito :

DM 25 7 febbriaio 2012

Le novità contenute nel nuovo DM rispetto al vecchio Dm443/90 sono parecchie.
La sua struttura cambia radicalmente. E' un decreto in positivo e non in negativo. Dice : "lavorate bene e siate pronti a dimostrarlo di fronte alle autorità".

Nel vecchio dm 443 erano indicati dei vincoli tecnici a volte inutili o poco comprensibili, nel DM 25 febbraio 2012 ne sono presenti pochi e generali di impiantistica non relativi al singolo sistema di trattamento.

il Ministero della Salute si impegna a pubblicare una linea guida entro 180 giorni sui vari tipi di trattamento.

Manca in maniera specifica il tema dei controlli, è un tema assai importante. Le Regioni sono chiamate a svolgere il ruolo di controllo e sono chiamati in causa tutti quegli organismi citati nelle leggi di riferimento. Autrita Garante del Commercio, Camere del Commercio, Regioni, etc

Un articolo è dedicato al tema della pubblictà. Ogni affermazione deve essere supportata da letteratura accettata a livello internazionale ( da non confondere con letteratura internazionale ) pubblicazioni o linee guida OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ).

Il DM 25 del febbraio 2012 impone l'adeguamento degli impianti esistenti, e da tempo sei mesi per coloro che operavano con autorizzazione Ministeriale secondo il Dm443/90.

Altra nota positiva è la scomparsa della famigerata cartolina da inviare alle ASL.

Ricapitolando in estrema sintesi:

Conformita al DL 206 del 2005 Codice al consumo
Conformità al DM 37/08
Confomrita al DL 31/2001
Conformità al DM 174 del 2004

Assunzione di responsabilità per chi produce, per chi vende e per chi installa.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Gli impianti ad osmosi inversa devono matenere il limite dei 15 °f. è sempre obbligatoria la valvola di miscelazione ? La legge è retroattiva dobbiamo mettere a posto i vecchi impianti ad osmosi inversa ?
Il nuovo DM 25 del Ministero della Salute sui depuratori domestici mantiene l'obbligo di segnalzione all'ASL ?

gwsonline ha detto...

La nuova legge non pone vicnoli specifici ma rimanda ai parametri del DL 31/2001 la durezza è un parametro consigliato.

La legge e retroattiva sicuramente oer il settore Horeca ed Ufficio.
Il tema degli impianti ad osmosi inversa con il nuovo DM 25 del Ministero della Salute è assai spinoso. Se non si rispettano i parametri le sanzioni di legge sono molto pesanti.

Non essite più l'obbligo della segnalazione alle ASL.