sabato 27 agosto 2011

Microfiltrazione e lampada UV

Parecchi sono gli impianti di micorfiltrazione che abbinano filtro a Carboni Attivi e Lampada UV.

Lo scopo è quello di garantire che l'acqua all'uscita dei filtri non abbia carica batterica.



La lampada deve essere dimensionata per la portata del filtro, generalmente una potenza di 8- 10 watt è più che sufficiente per 4 litri/ minuto.



Alcuni impianti hanno la lampada sempre accesa in altri è commendata da un pressostato che l'accende solo quando si preleva dell'acqua. I vantaggi sono evvidenti, in quanto si risparmia sull'energia elettrica, si prolunga il tempo di vita della lampada e nello stesso tempo si evita il fastidio di avere il primo bicchiere di acqua calda.

Bisogna però sapere che anche se accesa la lampada impiega 10-20 secondi per avere un efficiente capacità battericida, questo perchè i vapori di mercurio all'interno del bulbo devono scaldarsi per emettere UV ( la luce violetta non è UV ) e nello stesso tempo per sterilizzare l'irradiazione non deve essere instatanea.



Gli impianti che mantengono la luce UV sempre accesa nei periodi di prolungato fermo scaldano l'acqua e questa se ricca di calcare deposita una patina sulla guaina interna in quarzo rendendola opaca. E' necessario che il tecnico o chi fa la manutenzione periodica abbia cura di sfilare la guarnizione e procedere alla sua pulizia meccanica.



Munirsi sempre di un ricambio OR della guaina in quarzo, tende a cristallizzare e può perdere.



Per ricambi :