martedì 26 aprile 2011

Arsenico, vendite "truffaldine", L'epilogo

Con riferimento al precedente post, in cui raccontavo di come viene svolto l'approccio di chi vuole sfruttare la paura d'arsenico per proporre impianti di trattamentom oggi si è avuto l'epilogo.
Mi hanno chiamato per confermare l'appuntamento. Al che ho detto che mi sono informato e che non mi risulta che i filtri siano autorizzati dal Ministero della Salute.
La telefonista, sbigottita, mi dice che sono in errore che i loro impianti lo sono. A questo punto chiedo di averne copia via mail, prima di accettare la visita di un loro incaricato.
la risposta è stata, quanto rapida che LAPIDARIA, noi non lavoriamo così grazie e arrivederci, ed ha messo giù il telefono.......

venerdì 22 aprile 2011

Arsenico, tecniche di vendita "truffaldine"

Oggi mi sono divertito a compilare un form su internet che pubblicizzava l'inoltro a tre ditte specializzata la mia richiesta di informazione sul trattamento dell'acqua con Arsenico.

lascio il mio nome e recapito.
Dopo poche ore vengo contattato da una operatrice telefonica.

Al telefono si capisce che è una persona informata e preparata.
Mi spiega brevemente il sistema per la rimozione dell'arsenico da abbinare ad un impianto ad osmosi o da abbinare ad un impianto di multifiltrazione.
Si tratta di un filtro a resine che trasforma l'arsenico trivalente in arsenico pentavalente.

Gli chiedo se è certificato e mi rispondono che oltre ad essere certificato è anche autorizzato dal Ministero della Salute .

La gentile signorina mi dice che mi regala l'impianto e che devo solo pagare le cartucce di consumo.

A questo punto mi dice che mi manderà un incaricato per l'analisi dell'acqua e la proposta definitiva.

Non esistono impianti autorizzati dal Ministero della Salute. Anzi queste resine a scambio ionico non rientrano nel DM443/90 e quindi l'impianto deve essere soggetto a sperimentazione dal parte dell'Istituto Superiore di Sanità, prima di ottenere una autorizzazione alla messa in commercio ( 3 anni di attesa )

Gli impianti a base di resine o con idrosssico ferrico hanno il difetto che l'ossidazione non selettiva e quindi si consumano in base ad agenti anche diversi dall'arsenico.
Un semplice contalitri non è in grado di monitorare l'impianto per il trattamento dell'arsenico.

Gestire con un sottolavello il trattamento dell'arsenico NON HA SENSO, non rientra nella normtiva del trattamento delle acqua potabili.

Vi si chiede un costo elevato, per pagare il venditore, la telefonista, l'installatore e l'azienda venditrice. Ma tale costo è in sufficiente a coprire i costi di una vera e seria potabilizzazione dell'acqua.



Prima di firmare contratti con finanziarie, prima di credere di aver risolto il tema dell'arsenico con un sorriso da parte del venditore informatevi GWS.

martedì 19 aprile 2011

Bottiglie acqua alla spina nella ristorazione


Nei ristoranti è sempre più diffuso l'utilizzo di impianti per il trattamento dell'acqua potabile.
Con gruppi di frigogasatura abbinati a sistemi di filtrazione è possibile servire ottima acqua, fresca pulita, a km zero.
L'acqua alla spina per essere sempre di ottima qualità deve utilizzare impianti di qualità, con materiali idonei e certificati ( DM 174/2004 ) per il contatto con l'acqua destinata al consumo umano.
Inoltre gli impianti devono essere mantenuti constantemente, le parti di consumo vanno cambiate e il circuito lavato con appositi sanificanti. ( esiete una associazione di manutentori che opera con qualità mel settore www.amitap.it )
I ristoratori per servire l'acqua in tavola utilizzano caraffe o bottiglie.
Questo potrebbe essere un punto critico della filiera. I contenitori devono essere sterili e puliti.
Per far ciò è necessario seguire alcuni concetti elementari.

1) Il contenitore deve essere di facile lavaggio. Quindi con collo largo
2) Il contenitore deve essere conservato in luogo protetto da polvere e inquinanti vari.
3) Il contenitore deve essere di facile ispezione.
4) Il contenitore deve avere la dicitura "acqua potabile trattata" o "acqua potabile trattata e gasata"

Le acque minerali quando utilizzano il Vuoto A Rendere, ( VAR ) in bottiglie di vetro seguono passaggi scrupolosissimi per garantire l'igenicità della bottiglia. I passaggi, lavaggi e controlli sono ben 17 !

Nelle acqua non confezionate, il tema della pulizia non può essere trascurato. Immaginate che al ristorante per divertimento qualcuno infili un corpo estraneo all'interno della caraffa/bottiglia. Questo deve essere assolutamente rimosso. Come fare a vederlo se la bottiglia non è trasparente ? basta un risciaquo o un giro in lavastoviglie per garantire sempre lo smaltimento ?
Se il collo è stretto, come fare a garantire che non il lavaggio sia effettivamente efficace ?

Crediamo fortemente che le brocche debbano essere a collo largo, trasparenti, con la dicitura acqua potabile trattata.

Sconsigliamo i colori blu notte che fanno sembrare tutto sempre pulito, perchè non si vede attraverso.

Discorso a parte riguarda coloro che sigillano la bottiglia con un tappo per renderla simile alle acqua minierali in bottiglia. La legge nel caso parla chiaro, NON è consentito, serve ad illudere il cliente finale, ma purtroppo non vengono nemmeno rispettate le norme per l'imbottigliamento.
Non vi è indicata sulla "finta" bottiglia la data di imbottigliamento, i locali non sono sterili, la dicitura spesso è assente.

martedì 12 aprile 2011

Ricarica bombole co2 a Milano

Ricarica co2 alimentare a Milano per i privati


Molte sono le persone che a Milano e provincia non sanno a chi rivolgersi per la fornitura di bombole di Anidride Carbonica alimentare .
Tutti gli impianti di frigogasatura funzionano con Anidride Carbonica E290 .

Co2 425
Ricarichiamo tutti i vostri cilindri

Sono disponibili le bombole da 4 / 5 kg con la modalità pieno per vuoto, ossia il tecnico consegna una bombola piena e ritira la bombola vuota. Il costo oscilla tra i 30 e 40 € a seconda della ona e dell'urgenza.  Sono le classiche bombole per gli erogatori collegati alla rete idrica

Il servzio ricarica  proposto da Acquasemplice copre tutta Milano   Tel. 3451727164



Le nostre bombole sono tutte certificate e omologate T PED,  non ritiriamo bombole non a norma, senza tulipano o scadute.



Sono altresì disponibili le bombole di Co2 per gasatore da tavolo nella dimensione da 450 gr e 1 kg.
Al costo di 8 € cad ( sempre con il servizio di pieno per vuoto ) Servizio Reso con una consegna minima di almeno 3 bombole. Questo servizio ha tempi celeri entro le 48 h ( sabato domenica esclusi ).
Ricarichiamo tutte le marche: Beghelli, Imetec, Sodastream, etc.





Per le Bombole da 600 usa e getta l'ordine minimo è di 6 bombole al costo di 15 € cadauna  rese in casa.  Sono bombole usa e getta per gli erogatori tipo AEG, Electrolux, Nims, Asset,Eurogen, Sogeve etc..







Per le aziende 

Se sei alla ricerca di un fornitore per la ricarica delle tue bombole - ferramenta, negozio, trattamentista acqua o altro amcora- rivolgiti a noi  GWS, verifica la  nostra  proposta, conattaci Servizio ricarica bombole per le aziende


Le nostre bombole sono utilizzabili anche sugli acquari

sabato 9 aprile 2011

Le Caraffe Filtranti vs Impianto trattamento acqua



Anche in Italia si sta sviluppando fortemente il mercato delle caraffe filtranti.
Sul mercato mercato se ne possono trovare di diversa forma, con caratteristiche filtranti mirate, e con qualità elevata o anche scadente ( come del resto per tutti i prodotti )

L'acqua erogata dalle caraffe, per la normativa italiana non è più acqua potabile, ma bevanda.

Le cartucce filtranti possono avere diverse fuznioni, rimuovere inquinanti, migliorare le caratterisitche organolettiche, abbattare la durezza dell'acqua.

Analisi fatte presso diversi laboratori hanno mostrato che il loro impiego produce generalmente effetti positivi.
Il basso costo di acquisto ( anche se poi il presso delle cartucce non è regalato ) e la modalità di impiego che non necessita di installazione, ne favorisce la diffusione.

I punti critici sono legati a:
  • necessaria pulizia periodica
  • costante e frequente cambio della cartuccia ( anche se non si usa )
  • conservazione dell'acqua prodotta in luogo refrigerato e protetto dai batteri
  • produzione di rifiuti
Gli impianti per il trattamento dell'acqua potabile collegati alla rete idrica, soffrono lo svantaggio del prezzo e della complessita dell'installazione, ma forniscono un servizio decisamente superiore sia in fatto di qualità dell'acqua ( a patto di svolgere regoalre manutenzione ) sia in fatto di comodità. Alla lunga il costo è inferiore a quello delle caraffe.

L'acqua che sgorga da un erogatore d'acqua potabile trattata è sempre fresca, non è contatto con l'atmosfera e gli agenti potenzialmente dannosi in essa contenuti.

venerdì 8 aprile 2011

Codice del consmo ed impianti per il trattamento dell'acqua potabile

Il codice al consumo è legge dello Stato che tutela il cittadino privato nel campo del consumo, è una corposa legge che definisce in maniera chiara tutti gli aspetti legati al rapporto vendita e acquisto di beni non destinati ad azioni imprenditoriali.

La legge è dotata di robusti sistemi sanzionatori verso pratiche/tecniche di vendita scorrette.
Il Garante della conocrrenza e del Mercato può imporre sanzioni nel caso di comunicazioni mendaci o fraudolente.

Quest'anno già due ditte, opernati nel settore del trattmanento dell'acqua potabile, sono state sanzioante per comunicazione fraudolenta per importi di 15000 € e 65000 €.

I foglietti pubblicitari che declamano le virtù terapeutiche dell'acqua trattata con argomenti non scientifici e comunque validati, oltre a rendere nulla la vendita, sono soggetti a sanzioni per chi ha promosso l'inziiativa.

Se nella vendita non sono chiariti in maniera esplicità i costi, le modalità di acquisto e di futura manutenzione dell'impianto, oltre a rendere nulla la vendita, il Grante può dietro segnalazione all'autorità procedere con sanzioni a carico della ditta promotrice.

Il libretto di uso e manutenzione è cosa seria, non deve essere un volanti pubbliictario, nè una manleva del Produttore / venditore. Obbligatorio per legge e normata dalla Normativa UNI deve contenere al suo interno informazioni vere e dimostrabili

Inviatiamo tutti i cittadini a denunciare tutte le pratiche "furbette" e scorrette nel campo.

mercoledì 6 aprile 2011

alcuni dati sul nostro blog

Inizio pubblicazioni Novembre 2008
Visite medie giornaliere nell'ultimo trimestre 85
Post più letto : "acqua osmotizzata fuori legge ?"
Parola di ricerca più utilizzata: "osmosi inversa prezzi"