martedì 25 gennaio 2011

Aumentano le performance delle Osmosi inverse ?

Nel nostro Paese continua lo sviluppo del mercato degli impianti di trattamento dell'acqua potabile tramite osmosi inversa.
La tipologia di macchine proposte sono maggiormente quelle a produzione diretta. La battaglia dei produttori / distributori sta nell'approntare macchine con erogazione sempre maggiore, mantenendo bassi i costi e le dimensioni.
Le strade intrapprese dalla maggior parte dei produttori è quella di utilizzare membrane con con maggiore portata. Le famose 150 GPD. All'interno degli impianti sono presenti due o tre vessel con queste membrane al posto delle 100 GPD. GPD ( gallon per day ) dove il galone è circa 3.78 litri.
Il fatto è che le 150 GPD forniscono più acqua a pari condizioni di pressione portata e temperatura, ma hanno una capacità di taglio assai minore.
Le membrane 50 GPD arrivano ad abbattere fino al 96 % delle sostanze disciolte
con le membrane 100 GPD siamo intorno al 90 % per scendere verso l'80 % con le membrane da 150 GPD.
E' una deriva che non ci convince.
Oltre a ciò sarebbe bene fare dei test di durata delle membrane in questi impianti a parità di condizioni.

Ad oggi l'unico progetto riuscito nel fornire acqua in abbondanza con valori costanti è quello Dometic ( ex- Electrolux ) in questo caso è stata utilizzata una membrana unica appositamente progettata e costruita . I test sul modello Ro300 indicano una portata di 180 litri /ora con abbattimento al 95 %.

In questo post ho indicato un abbattimento medio per comodità ben cosciente che l'osmisi filtra non tutte le sostanze disciolte con percetuali di abbattimento diverse.




Schema della Confidence Ro300 ad oggi ineguagliata !

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ad uso acquaristico, quale consigli come impianto? Il Ge-merlin che vanta migliaia di lt al dì, è adatto per avere acqua (partendo da 500 microsiemens) a bassissima conduttività? Parlo di 20 microsiemens.