domenica 21 giugno 2009

Osmosi Inversa e carica batterica

A seguito di inchieste giornalistiche, e casi di epidemie idrodiffuse il tema dell'efficacia di un impianto ad osmosi inversa nei casi di presenza di batteri nell'acqua è più vivo che mai.

La membrana degli impianti ad osmosi inversa dovrebbe essere in grado di funzionare come barriera assoluta, bloccare tutti gli inquinamenti microbiologici. La porosità è talmente fine che i batteri non passano.

Le modalità costruttive degli impianti incidono sull'efficacia dell'impianto stesso. Valvole di miscelazione, valvole di non ritorno, raccordi se non posizionati nella giusta maniera possono compromettere il funzionamento dell'impianto stesso.

La manutenzione periodica è fondamentale, il biofilm che si sviluppa nel tempo è un terreno di cultura per le colonnie batteriche.

Nel caso di acqua di rete con seri problemi che ne pregiudicano la potabilità, ( vedi il recente caso sul Garda ) è fortemente sconsigliato l'utilizzo di impianti domestici. Questi sono progettati per affinare un'acqua già potabile.

Nessun commento: