sabato 15 novembre 2008

Osmosi inversa: acqua aggressiva ?

L'acqua prodotta da un impianto ad osmosi inversa ha come caratteristica principale una bassa quantità di sali disciolti.
Gli impianti in commercio riescono a rimuovere mediamente il 90-95 % delle sostanze disciolte in acqua, se si parte da un'acqua già potabile, otteniamo un acquà estremamente leggera, che ha maggiori capacità, (rispetto ad una soluzione già pazialmente satura ) di portare in soluzione sostanze che incontra al suo passaggio.
L'esperienza mostra che le condutture sporche attraversate da acqua osmotizzata diventano pulite !
Nello stesso tempo, dove è forte la durezza dell'acqua, avviene il fenomeno dell'abbassamento del pH. Ossia aumenta l'acidità. Questo fenomeno è dovuto al fatto che le acque ricche di carbonati sono ricche anche di acido carbonico ( co2 disciolta in acqua ); l'acidità rimane in equilibrio vicno al punto neutro (pH 7) per l'effetto tampone dei carbonati.
Le membrane delle osmosi hanno la capacità di separare i carbonati, ma non l'acido carbonico. Ne risulta che il pH scende aumentando l'acidità e quindi rendere l'acqua più aggressiva...
Un altro punto rigurda l'insorgere di fenomeni di corrosione elettrogalvanica, ma di questo ne parleremo in seguito.

Nessun commento: